Tu sei l’odore

Francesco: “Parlare agli altri di te dopo una vita che ho parlato CON te, è assurdo”

6 sensoTU SEI L’ODORE

Tu sei l’odore che mi ha salvato la vita. Avevamo diciott’anni, la prima volta che ti ho baciata. Le tue labbra sapevano di gomma americana, ero perso di te. Non ho mai smesso di amarti perché eri la bellezza. Ti ho sposata, abbiamo fatto una figlia, il tuo odore buono mi ha fatto invecchiare bene, fino a quattro anni fa, quando la vita si è rotta per sempre. Non è una cosa che puoi riparare, la vita, se si rompe. Non è come una bicicletta, un computer. Te ne sei andata quando molto era ancora da fare, molto da sognare, molte volte avremmo voluto ancora far l’amore, andare al ristorante, fare un salto a Tarquinia nei nostri sacri giorni d’Aprile. Qualcuno ha strappato la nostra vita come un brutto compito in classe; ti chiamo e non mi rispondi, ma nelle stanze c’è il tuo odore di ragazza: gomma americana, cuoio e lavanda. Dentro l’armadio, i tuoi vestiti sanno di te. Per strada capita che avverta lo stesso tuo odore in qualche passante, la guardo un attimo, ti somiglia – la stessa grazia pudica – le auguro col cuore un destino differente rispetto al nostro. Prima magnifico e poi, come tutte le cose belle che si pagano a caro prezzo, crudele oltre ogni immaginazione.

Link del blog di Francsco Francescini                                     http://sdraiatosuibinari.blogspot.it/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa. Contrassegna il permalink.

19 risposte a Tu sei l’odore

  1. Harielle ha detto:

    E’ così breve l’amore, è così lungo l’oblio, recita un verso di Neruda…
    Delicatissimi sentimenti affiorano dalle parole di Francesco, fortunato ad aver conosciuto l’amore, anche se per poco…un abbraccio

  2. pino vangone ha detto:

    I ricordi aiutano solo se non diventano una gabbia che ci impedisce di vivere il presente per affrontare le cose che avremmo affrontate con la persona amata, quindi l’odore ci deve accompagnare a riflettere e ad agire, nelle situazioni che si presentano, in favore delle persone care rimaste. Tale agire, come se al nostro fianco stesse ancora Lei/Lu, gratificherà noi e son certo faranno gioire anche la persona amata ovunque essa si trovi.

  3. nives1950 ha detto:

    LEI è stata, è e sarà il “profumo” di Francesco….per sempre!
    Ci sarà il “profumo” della figlia, e forse altri ancora ma….quell’unico “profumo” rimarrà primizia inconfondibile, privilegio d’elezione, essenza eterna di un grande amore!
    Un affettuoso abbraccio a Francesco!
    Nives

  4. Patrizia ha detto:

    Trovo questo brano semplicemente “umano” , intriso di tutto il bello e il vero che l’animo umano sa esprimere quando tocca l’Amore e gli permette di rimanere dentro l’anima. Quella frase iniziale esprime quell’Amore in modo semplice, immediato e quindi vero. Le altre parole arrichiscono quella frase, la rendono ariosa, toccando il tasto della tenerezza, del rimpianto, del dolore e anche della rabbia forse, ma lo fanno in modo dolce, con la dolcezza che sgorga dall’essenza di quella prima frase che tocca l’anima.

  5. ili6 ha detto:

    Non servono molte parole
    il brano ha un intenso odore d’amore e di malinconia. C’è tanto dolore, ma non c’è nessuna cattiveria, nessun accanimento verso il destino così crudele. Prove difficili della vita che in un modo o nell’altro proviamo tutti e che in qualche modo dobbiamo superare per noi stessi, per gli altri che restano accanto a noi e per chi è andato via. Perchè mai avrebbe voluto che ci annientassimo nella mancanza.

    Vorrei complimentarmi con Francesco per la tenerezza del brano, ma mi sembra fuori luogo. Nel ricordo dolce del Suo odore, avanti Francesco, avanti sempre.
    Maria Rosaria

  6. luciabaciocchi ha detto:

    “Nella vita di tutti i giorni nessuno ti chiede di raccontare la storia che ti morde il cuore e te lo mastica, e se qualcuno te la chiede, nella vita di tutti i giorni nessuno riesce a raccontare quella storia, perchè non trovi mai le parole adatte, le sfumature giuste, il coraggio di essere nudo, fragile, autentico.”
    Ho letto queste righe nel libro “Cose che nessuno sa” di Alessandro D’Avenia, ora posso dire che Francesco ha trovato il coraggio di farlo.
    Lucia

  7. francesco ha detto:

    grazie a tutti delle belle e confortanti parole

  8. Giulio Salvatori ha detto:

    Francesco, non so se riuscirò a esprimere le sensazioni che rimbalzano dentro di me dopo la lettura del tuo Brano. Immagino di guardarti negli occhi e dirti che, nelle pagine di un libro che conosco si legge : ” un padre si rivolge ad un sacerdote chiedendogli perchè Dio aveva preso suo figlio in età molto giovane, perchè? Il religioso trovo questa risposta .- Dio è sceso sulla terra, ha raccolto il fiore più bello e profumato del tuo giardino e l’ha portato in cielo fra gli Angeli e, ora. si trova nel Paradiso …” Ecco! I profumi che Te senti, vengono di lassù.

  9. Fortunata ha detto:

    Vorrei non averlo letto.e’troppo triste .

  10. lucetta ha detto:

    Anch’io sono rimasta colpita e commossa…..Fa bene sapere che ci sono persone capaci di amare come Francesco.

  11. fausta68 ha detto:

    Mi ha commosso tanto amore così assoluto e così riservato….

  12. Lorenzo D'Agata ha detto:

    Non posso che partecipare al dolore di Francesco, così delicatamente espresso.

  13. Vito M. ha detto:

    Molto bello, un testo davvero intenso e struggente.
    Buon pomeriggio, con amicizia, Vito

  14. in fondo al cuore ha detto:

    Purtroppo capita troppo frequentemente…….bellissimo testo.
    Buona settimana Lucia.

  15. Arcangela ha detto:

    Struggente …

  16. franco muzzioli ha detto:

    Francesco, mentre leggevo questo splendido sfogo poetico, mi sono chiesto…cosa proverei se mi dovesse succedere. Il brivido nella schiena mi ha fatto fuggire dal pensiero e le parole si sono perse nella mestizia.

  17. luciabaciocchi ha detto:

    Ancora una volta, come sono solita fare, ospito in questo spazio un amico speciale, Francesco. Non ho voluto aggiungere nulla al post perché ogni parola scritta sarebbe stata di troppo. Conosco Francesco da molti anni, amico, compagno di scuola di mia figlia fin dai tempi del liceo, scrittore, amante del bello e della musica, conduce con successo una trasmissione radio locale, parlando di sport, musica, libri e di tanto altro. Le parole di questo racconto breve, ci narrano il resto….
    Lucia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...