La libellula bianca…

lo sguardo del Papa su Roma per l’ultima volta.

libellula

Carissimi amici miei, la stanchezza, la paura di perdere del tempo prezioso, di non essere più in grado di gestire gli articoli, mi ha allontanato dal blog. Ma, come spesso succede, ho nostalgia dei vostri commenti, delle vostre riflessioni; così timidamente, dal mio rifugio di Montefalco, riprendo questo piacevole confronto.

In questa domenica, come molti di voi, mi sento più sola. Il Papa, come aveva già annunciato, ha lasciato il suo incarico e si è ritirato momentaneamente a Castel Candolfo, lo abbiamo visto sereno benedire i fedeli che gremivano Piazza San Pietro per il saluto di commiato. Ammetto che vedere tanta gente in Piazza San Pietro e sentire suonare a festa tutte le campane del mio paese mi ha commosso, il racconto televisivo e visivo è stato un racconto di un uomo intimo verso un vuoto che difficilmente sarà colmato. Nello stesso tempo mi ha turbato il pensiero che ormai l’ex Pontefice, Benedetto XVI, benché spogliatosi dell’abito, del suo anello e delle sue scarpe rosse, continuerà a essere marcatamente presente, forse anche più di prima nei futuri eventi della Chiesa. Ha spiegato Lui stesso che la sua rinuncia non significa abbandonare la Chiesa ma servirla in modo diverso, un atto di grande umiltà a servizio della Chiesa, un progetto di rinnovamento che tutto il mondo aspetta con fiducia e speranza.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa. Contrassegna il permalink.

25 risposte a La libellula bianca…

  1. nives1950 ha detto:

    Pregare, pregare, pregare…….instancabilmente ed intimamente pregare, sopratutto per la Sua Chiesa! Come Mosè sul monte!
    Bentornata Lucia!
    Nives

  2. sentimental ha detto:

    Cara Lucia,bentornata nel Tuo sempre piacevole e prezioso Salotto
    Le persone che hanno dignità e forza d’animo non restano incollati ai troni, ma si alzano, per il bene della chiesa e della propria coscienza ( come nel caso di Papa Ratzinger)

    Un caro abbraccio
    Sentimental

  3. Patrizia ha detto:

    Carissima Lucia…bentornata… Come sempre spero per te una dolce serenità. Non scappare più, se puoi… 🙂 So che a volte è necessario. Ma ora sei tornata e questo basta 🙂
    Un caro abbraccio

  4. lucetta ha detto:

    Sono contenta di rileggerti. Che la primavera imminente ti ridoni forza, speranza e desiderio di vivere e gioire delle piccole cose come lo scrivere un post sul blog ed aspettare il commento degli amici/e che ti vogliono bene e ti seguono con la mente anche se non ti fai viva.
    Per quanto riguarda il papa emerito Benedetto hanno detto tutto gli altri, condivido soprattutto il pensiero di Pino. Non mi chiedo il perchè l’abbia fatto, mi fido delle Sue parole e rispetto le sue decisioni. Ho imparato molto da “Benedetto ” soprattutto l’umiltà e la fiducia in Dio.
    Un abbraccio.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Carissima Lucetta, ti sento vicina e partecipe ai miei problemi, sono certa che leggere righe positive e piene di speranza mi faccia bene. Ti confesso che scrivendo e leggendo nel blog colmo tanti momenti di solitudine, e questo non è poco!
      Un abbraccio 🙂

  5. Giulio Salvatori ha detto:

    Grande decisione come dice Lui, il Santo Padre, per il bene della chiesa.Da buon toscano voglio sdrammatizzare:secondo me, vuole dare il buon esempio ai nostri politici corrotti. Chissà quanti se ne andranno… Brava Lucia, finalmente hai riaperto il salotto:era ora.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Giulio dice di essere fuori dal coro come sempre, vede la scelta del Papa come un esempio per i nostri politici a togliersi di mezzo. Io avrei preferito che Ratzinger fosse rimasto al suo posto fino alla fine, perché la debolezza, per chi crede è una forza. Ricordo Papa Giovanni che ha conquistato il mondo con la sua malattia, ha portato la croce fino in fondo.
      Con amicizia
      Lucia

  6. pino vangone ha detto:

    Lucia, anche a me ha fatto tanto piacere leggerti, è un modo per sentirci vicino ed in amicizia,, comunque per quanto riguarda l’articolo ho da dirti che, anche questi ultimi avvenimenti vanno visti con l’occhio della fede, senza troppe dietrologie; Benedetto XVI, in tutti questi anni, dalla Sua ordinazione ad oggi ha servito la Chiesa sempre nella concretezza e senza fronzoli. Son convinto che continuerà a farlo nella preghiera e nella vita riservata che si è scelto a causa del naturale decadimento del fisico. Sicuramente ha ponderato la strada da intraprendere con l’aiuto di Dio e da ciò deriva quella serenità che tutti abbiamo notato sul suo volto dopo l’ annuncio di lasciare ad altri l’incarico di guida e Pastore. A Lui va il nostro grazie per tutto quello che ha fatto e che ancora farà per tutti noi. Termino il commento con uno stralcio del discorso tenuto dallo stesso Papa Benedetto XVI nell’ultima udienza di mercoledì scorso:” … il Signore mi ha veramente guidato, mi è stato vicino, ho potuto percepire quotidianamente la sua presenza. E’ stato un tratto di cammino della Chiesa che ha avuto momenti di gioia e di luce, ma anche momenti non facili; mi sono sentito come san Pietro con gli Apostoli nella barca sul lago di Galilea: il Signore ci ha donato tanti giorni di sole e di brezza leggera, giorni in cui la pesca è stata abbondante; vi sono stati anche momenti in cui le acque erano agitate ed il vento contrario, come in tutta la storia della Chiesa e il Signore sembrava dormire. Ma ho sempre saputo che in quella barca c’è il Signore e ho sempre saputo che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, ma è sua e non la lascia affondare; è Lui che la conduce, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perché così ha voluto. Questa è stata ed è una certezza, che nulla può offuscare. Ed è per questo che oggi il mio cuore è colmo di ringraziamento a Dio perché non ha fatto mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore. Siamo nell’Anno della fede, che ho voluto per rafforzare proprio la nostra fede in Dio in un contesto che sembra metterlo sempre più in secondo piano. Vorrei invitare tutti a rinnovare la ferma fiducia nel Signore, ad affidarci come bambini nelle braccia di Dio, certi che quelle braccia ci sostengono sempre e sono ciò che ci permette di camminare ogni giorno anche nella fatica. Vorrei che ognuno si sentisse amato da quel Dio che ha donato il suo Figlio per noi e che ci ha mostrato il suo amore senza confini. Vorrei che ognuno sentisse la gioia di essere cristiano. In una bella preghiera da recitarsi quotidianamente al mattino si dice: «Ti adoro, mio Dio, e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio d’avermi creato, fatto cristiano…».Sì, siamo contenti per il dono della fede; è il bene più prezioso, che nessuno ci può togliere! Ringraziamo il Signore di questo ogni giorno, con la preghiera e con una vita cristiana coerente. Dio ci ama, ma attende che anche noi lo amiamo! Ma non è solamente Dio che voglio ringraziare in questo momento…..”

  7. popof1955 ha detto:

    Sicuramente una scelta sofferta e meditata, il suo successore avrà un peso in più.

  8. Lorenzo D'Agata ha detto:

    Grazie, Lucia, per il tuo ritorno, tanto desiderato. Dunque, la rinuncia di Papa Benedetto. Per me, soprattutto, un atto di coraggio con riferimento ai tanti problemi che la Chiesa deve affrontare in questi tempi bui. E poi, il disinteressato desiderio di pregare, più che gestire, e di dare un esempio di grande serietà, oltre che di umanità. Un segno di discontinuità in una situazione generale in cui ognuno che ha un potere minimo rispetto a quello di un Papa, si tiene abbarbicato al posto come se fosse l’ultima trincea. Grande Papa e speriamo che sia alla Sua altezza la Chiesa.

    • luciabaciocchi ha detto:
        Lorenzo condivido il tuo pensiero,Papa emerito Benedetto, l’ho sempre visto come teologo portato alla preghiera, schivo da tanti l’impegni che il suo ruolo chiedeva.
        Ti ringrazio per la costante presenza nel mio blog
        Lucia
  9. giuliano ha detto:

    Beh, che sei tornata ha scrivere su questo blog è quello che tutti i tuoi amici aspettavano.Il mio augurio è che i commenti ti siano di aiuto nel riprendere in maniera equilibrata il regolare corso della vita e delle cose.Buona domenica Lucia.

  10. ili6 ha detto:

    Bentornata, Lucia 🙂
    ne ho parlato di Papa Benedetto e ribadisco che la sua scelta, sicuramente sofferta e meditata, è da rispettare-A Lui adesso auguriamo tanta serenità e alla Chiesa ciò che necessita: una giuda spirituale forte e che riesca a far pulizia dei mali che l’affliggono.
    Comunque credo che mai, cattolici e laici, siamo stati così vicini a Papa XVI dopo la sua rinuncia.
    Buon pomeriggio, ciao.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Carissima Marirò ti confesso che ho ripreso a postare dopo averti sentita in shipe, le tue parole mi hanno incoraggiata e fatto bene allo spirito, ti ringrazio 🙂
      Lucia

  11. in fondo al cuore ha detto:

    Bentornata Lucia…..un vero atto di umiltà il suo, ti auguro una buona domenica un abbraccio!

  12. fausta68 ha detto:

    Soni proprio contenta della tua decisione di tornare al blog….mi sono mancati i tuoi commenti delicati e saggi, non tornare a nasconderti per piacere!!!

  13. franco muzzioli ha detto:

    Un piccolo uomo vecchio ed ancora immensamente saggio , ha capito che la Chiesa della quale LUI era il vertice sommo è malata, molto malata . LUI non è sufficentemente forte e risoluto per
    imitare Gesù coi mercanti nel Tempio , LUI può solo “scoperchiare la pentola” ,facendo un gesto rarissimo per un Papa , andandosene e mettendo tutti sull’avviso ….è necessario fare pulizia, rinnovare, ritornare alla Chiesa dei Vangeli. Un grande Papa!
    Cara Lucia …siamo noi che abbiamo bisogno di te….fai uno sforzo…si buona con noi…non ci privare della tua presenza…………un nostalgico saluto a Montefalco.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Dopo lungo tempo torno a leggere con piacere le tue righe carissimo Franco,il tuo giudizio LAICO, sempre molto severo, mette in evidenza problemi gravi che la Chiesa sta vivendo.
      Certa di rileggerti molto presto ti saluto 🙂

  14. Fortunata ha detto:

    A me ha fatto anche tanta pena.Credo sia stato costretto a lasciare.
    Cambiando argomento: ma tu ha che ora ti alzi la mattina? Buona giornata,oggi e’ bello.
    Fortunata

    • luciabaciocchi ha detto:

      Cara Fortunata a Montefalco è arrivata la primavera, oggi giornata splendida, ho fatto una lunga passeggiata in campagna che mi ha fatto bene allo spirito e alla salute.
      A presto, ti aspetto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...