Stanchi

In questa settimana ci sono stati giorni pieni di problemi, pieni di momenti tristi, qualche lacrima, sono arrivata a fine settimana quasi senza accorgermene, il tempo è volato, quasi inutilmente..Nella bacheca di Facebook ho trovato questo pensiero postato dalla mia cara amica Titti, l’ho fatto mio, leggendolo ho riflettuto a lungo, mi piace postarlo nel mio blog.

 Ci trasciniamo stanchi, stanchi di non

vivere, stanchi di inseguire sempre la

luce alla fine del cammino senza mai

raggiungerla. Troppi obiettivi da raggiungere,

troppi i traguardi chi ci poniamo davanti.

Troppe le volte in cui

non sappiamo più godere di ciò che

abbiamo ottenuto, 

presi come siamo dall’andare ancora più lontano.

Dovremmo fermarci, ogni tanto,

e guardarci intorno, guardare tutto ciò

che abbiamo anziché ciò che vorremmo avere,

l’amore che ci circonda invece di quello che abbiamo perduto.

Per scoprire che forse abbiamo già

raggiunto la nostra meta, solo che non

ce n’eravamo accorti.

                                        ( Simona Barè Neighbors)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Quisquiglie e Pinzillacchere. Contrassegna il permalink.

28 risposte a Stanchi

  1. Martine ha detto:

    cavoli, è una poesia che ci deve invitare tutti alla riflessione, grandi e più piccini!
    buona serata,
    Martine

  2. dolceuragano ha detto:

    Buon inizio settimana Lucia, con amichevole abbraccio e un sorriso nonostante le varie difficoltà che la vita ci riserva. Carla

    Son riflessioni che andrebbero fatte ogni mattino quando ci alziamo …

  3. laurin42 ha detto:

    Eppure l’Energia che il Cosmo ci invia attraverso tutti i suoi agenti, i pianeti, le stelle, il Sole e la Luna alimenta una nuova visione di quella che chiamiamo realtà.
    Saremo noi come umanità artefici dei cambiamenti della Nuova Era che sarà caratterizzata dall’Amore e dall’Armonia, tra il cielo e la terra con tutti gli esseri viventi,
    dai minerali, alle piante, agli animali.
    Se ne siamo consapevoli costruiremo un futuro rispettoso dei valori dell’essere umano.
    Love
    L

    • luciabaciocchi ha detto:

      Hai propiro ragione Laura, dovremmo fermarci per cogliere questi aspetti che la natura ci offre, ma distolti dall’incoimbenze quotidiame non riusciamo a percepire i segnali di questa ARMONIA che tutti aspettiamo.
      Un saluto affettuoso

  4. dolceuragano ha detto:

    Buona domenica Lucia…con amicizia un abbraccio Carla

  5. semplice1 ha detto:

    Si, molto bella la poesia e vera..Anch’io vado sempre di corsa e spesso sono stanca, triste e insoddisfatta, ma è proprio la stanchezza a venirmi in aiuto. La stanchezza mi salva! Mi obbliga a rallentare ed è proprio allora che mi godo il panorama più bello: la vita, riuscendo persino ad essere felice, se pur per brevi attimi. Dai Donna Lucia, guardati intorno..hai mille motivi VERI per essere felice!
    Ti abbraccio con il cuore.

  6. ili6 ha detto:

    Arrivo un pò tardi per il commento (corse e corse…), ma stavolta ne sono contenta perchè posso leggere un post “completo” e nella sua vera interezza: le parole di una mamma e la risposta della figlia.
    Quel bellissimo -thank you, mam- e che rivolgo anche io alla mia mamma, dice tutto e ripaga di tutte le corse, gli affanni, le stanchezze, le preoccupazioni della vita.
    quell’abbraccio del video, quell’abbraccio tra Lucia e Monica, tra Salvina e Marirò, tra … e…. non ha bisogno di parole e nobilita i bei versi della poesia.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Io ringrazio tutti gli amici del mio blog, che comprendono e cercano di allevviare i momenti di stanchezza che sto attraversando, state tranquilli che sto raccogliendo le forze e torno combattiva come sempre!
      Un abbraccio a Marirò 😛
      Lucia

  7. nives1950 ha detto:

    Grazie! Grazie del bellissimo video e ancora AUGURI a tutte le MAMME!

    Nives

  8. nives1950 ha detto:

    Molto bella questa riflessione! Ma sopratutto molto vera e urgente!
    Penso che dobbiamo fare in fretta e decidersi a cercare la Luce….altrimenti ci esauriremo, perderemo ogni inpulso e….come un’auto senza batteria….resteremo immobili ad aspettar che ci copri la polvere, o che un’altra auto ci traini e decida per noi! SOLE…abbiamo bisogno dell’energia del SOLE!
    Occorrono lacrime, interventi chirurgici, rinunce, fede…sacrifici………????
    Sì: sacrificio come qualcosa che a che fare col “sacro”!
    Sì, SACRO!
    Come l’ AMORE, LA GIOIA PURA, LA VITA, LA LUCE!

    Coraggio Lucia!

    Nives

  9. sonoqui ha detto:

    Un caro saluto non di “stanchezza” ma di piacere
    Felice inizio
    gina

  10. Giulio Salvatori ha detto:

    Prima di tutto Auguri a tutte le Mamme .Bellissimo e significativo filmato che non ha bisogno di essere commentato. Si ! E’ vero, abbiamo tutti fretta . In questo correre si travolge tutto e tutti…e noi stessi rotoliamo in quell’aveo di quella società che con orribile bestemmia definiamo -civile- Ma è così, è la legge del progresso; il tempo è prezioso. Poi, ci s’accorge, che le lancette della nostra vita sono avanti, molto avanti. Ecco che ti guardi indietro spaventato perchè non riesci a vedere tutto quello che ha seminato.Il solco ormai è ricoperto dall’erba :solo qualche timido fiore si fa largo. E’ un intreccio di ricordi sbiaditi , solo le cose materiali “tocchi” con mano. Ti proietti verso il futuro, si, ma quale? L’andatura è stanca, i riflessi s’appannano, l’affanno ti blocca la corsa. Però, però, per quanto mi riguarda, basta avere degli interessi e subito, ti ritrovi in mezzo a giovani che ti danno la forza di continuare, di fare, di donare ancora cose belle del tuo paniere. Questo secondo me è l’ossigeno per il motore della nosta vita. Se si fruga infondo all’animo son sicuro che ognuno di noi trova certamente qualcosa di bello.

    • luciabaciocchi ha detto:

      Concordo con Giulio, la società odierna ci impone ritmi veloci che non ci permettono di godere e gustare quello che abbiamo creato con le nostre mani. Oggi facciamo fatica a mantenere il passo e ci facciamo prendere dalla paura di non essere all’altezza di portare avanti gli impegni presi, ma dobbiamo raccogliere tutte le nostre forze e proseguire con l’aiuto dei giovani che ci circondano, perché sono loro la nostra speranza e la nostra forza. Leggendo un commento nel blog di Popof ho trovato questa frase detta da suo nonno, voglio trascriverla, è di grande insegnamento: “Quando sembra che sia giunta la fine del mondo non è vero, il giorno dopo la vita continua, bisogna essere pronti per il giorno dopo”. Lui aveva visto la città inghiottita dal maremoto del 1908, poi la grande guerra al fronte, e la seconda da sfollato. Se si è vivi, si vive

  11. sabby ha detto:

    corriamo, corriamo, corriamo senza mai fermarci per godere delle cose che abbiamo,
    come non ritrovarsi, amaramente, in queste parole.?

  12. luciabaciocchi ha detto:

    Domenica mattina, una splendida giornata di sole, leggo i vostri commenti e vi ringrazio, nella mia casella di posta ho trovato questo messaggio di mia figlia Monica, voglio condividerlo con voi.
    Auguri di ogni bene a tutte le mamme!

  13. popof1955 ha detto:

    Ogni cosa è legata all’individuo che la vive. Cccorre fermarsi ogni tanto, giusto per riprendere il fiato e accorgersi del respiro che ci rende vivi, gustarsi l’istante che si vive, nel bene e nel male, che poi non è nulla di sovrumano, altrimenti saremmo Dei.

  14. girasole ha detto:

    Cara Lucia, innanzi tutto un abbraccio, nessuna parola, solo un abbraccio…

    Uno scritto pieno di saggezza quello che hai messo, saggezza che tutti noi abbiamo dentro. Lo sappiamo bene che queste cose sono vere e che dovremmo fare così. Ma quando si sta male dentro hai voglia a “filosofare”. Noi siamo così, fragili, umani… dobbiamo vivere le nostre fragilità e poi…piano, piano, arrivieremo a superarle, per poi ricascarci di nuovo e poi risollevarci e poi ancora, ancora…e se chi ci vuol bene ci sta accanto, sarà più facile
    Con affetto, un sorriso 🙂

  15. franco muzzioli ha detto:

    Molto bella la poesia , ma quello che mi colpisce è l’incipit ….questi problemi incalzanti….questi momenti tristi….queste lacrime.
    Non so dei tuoi tormenti, ma leggendo il commento di Angelo ponderato e costruttivo , mi viene da pensare che la “stanchezza” sia tua.
    Potrei parlarti tanto ed in prima persona di mali oscuri che ci tormentano, ma non è il caso di farlo nelle pagine di un blog. Ti dico soltanto che in certi momenti non ci accorgiamo di quanto è bella la vita e quanto amore abbiamo intorno a noi.
    Cerca in Yuotube la canzone “Smile” di Charlie Chaplin …ascoltala….e sorridi.

  16. sonoqui ha detto:

    Buongiorno Lucia, dico spesso che la Vita è fatica. Occorre allennare giorno dopo giorno
    Cuore e Ragione per alleviare un poco la nostra “stanchezza.
    A piccoli passi, senza strafare
    Con un abbraccio ti auguro Buon fine settimana
    Gina

  17. liù's blog ha detto:

    Bellissima poesia e con parole che mi hanno come trascinato appresso a loro,mi sono rivista dentro questa prosa!!
    E’vero siamo eternamente stanchi ,si pensa troppo al passato ( parlo per me )e si perde di vista la realtà! Ma se ci penso solo un pò questa realtà mi fa paura,cosa si dovrebbe fare ??
    Commento sconclusionato vero Lucia? 😉
    Sono brava anche a non sapermi spiegare! :mrgreen:
    Un affettuoso saluto.
    liù
    PS:Mi piacciono i tuoi post perchè dai modo di riflettere e di guardarci dentro.

  18. ANGELO ha detto:

    Questa poesia bellissima, ci dice come la nostra vita è tutto un correre, per arrivare non si sa dove, occorre fermarsi e riflettere su quello che ci aspetta , quello che verrà, guardare indietro per sapere se quello che abbiamo fatto sia stato un bene o un male, se abbiamo agito secondo coscienza e se siamo stati ligi ai nostri doveri. Trarre le conclusioni è difficile, dobbiamo essere certi che tutto quello che ci circonda sia un punto di riferimento, per seguire una via, che ci porta alla consapevolezza delle cose da fare.

  19. Lorenzo D'Agata ha detto:

    Stimolante la riflessione che può partire dai versi. Io penso che, volenti o nolenti, ci fermiamo di tanto in tanto, e riflettiamo. E siamo coscienti dei traguardi raggiunti, delle sconfitte subite. E ridefiniamo i nostri obiettivi. Correre per correre non va bene. Ma bearsi di quanto si ha, neppure. E’ difficile l’equilibrio fra il fare e l’avere, ma ci riusciamo, dobbiamo riuscirci. Siamo un impasto originale fra due esigenze entrambe essenziali per noi. E ognuno di noi è un unico. Per me non dobbiamo crearci fissazioni: siamo quel che siamo e quel che siamo lo vogliamo noi stessi e non possiamo fare a meno di essere come siamo. Possiamo parlare di autoconvinzione? Sì, perché, se vogliono convincerci altri, chiudiamo semplicemente i contatti. 🙂

  20. Gigliola Fiorin ha detto:

    Cara Lucia, come sempre sai stupirmi per l’eleganza con la quale scegli i tuoi temi. I tuoi post sono preziose pillole di riflessione ed ispirazione per quanti, come me, talvolta si sentono stanchi di andare senza mai giungere, seduti sulla giostra, sfiorando la coda senza riuscire ad agguantarla. Troppi gli obiettivi? Forse, oppure solo complici di vivere una vita altrui. Non è semplice vivere la propria, ma ne vale certamente la pena.

  21. anna b. ha detto:

    E’ una bellissima poesia, che condivido in tutte le sue parole, è vero ogni tanto bisognerebbe fermarsi a riflettere e guardarci intorno, in alcuni giorni mi sembra di correre, correre, senza concludere nulla, ma è un’abitudine si cerca di fare tante cose e poi mi domando “ma perchè non stai tranquilla e perchè non ti godi la giornata con un’altro ritmo.”
    Non ho ancora la risposta, non ho tempo per riflettere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...