Notte di san Lorenzo, calici di stelle

Taci, spegni la voce
che le stelle non parlano
se ti sentono sveglio.

Basteranno due dita
a sfumar le deboli fiamme
di candele ormai stanche.

Fa che solo le stelle
ti bisbiglino dentro.
su ricci di luce

 La poesia” Taci “è di Patrizia ,  http://via000.wordpress.com/

In determinati periodi dell’anno passa accanto al nostro pianeta uno sciame di meteore che, a contatto con l’atmosfera, precipitando ad una velocità molto elevata, finiscono per disintegrarsi producendo quel bagliore che noi tutte conosciamo come stella cadente.   Una notte magica, una serata da vivere in due con il naso allinsù alla ricerca di quel momento unico dell ‘avvistamento di una stella cadente

  Il 10 agosto è per molti una notte speciale e quale contesto migliore per viverla se non a Montefalco con le sue verdi colline ed i suoi vigneti dai mille colori. Come ha detto l’amico Franco Muzzioli:Di notte, quando la leggera nebbia si alza, ti chiedi come mai il cielo stellato sia sceso in terra, invece sono le luci di Perugia, Assisi, Foligno, Spello ,tutte città e paesi di questa splendida valle umbra che da qui puoi ammirare nel massimo fulgore”    

E allora trovatevi un bel luogo appartato privo di quel fastidioso inquinamento luminoso che vi impedirebbe di vedere le stelle, l’ideale un prato di collina, stendetevi e fissate il cielo. Ma se siete di carattere più vivace sappiate che a Montefalco potrete sorseggiare del buon vino grazie all’evento Calici di Stelleè un evento nazionale che vi permetterà di assaporare ottimi vini e insieme di festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia osservando le stelle guidati dagli esperti dell’Unione Astrofili Italiani.

“Le stelle parlano nel mondo della notte, che è anche il mondo dei sogni.   Loro raccontano le storie del cosmo, degli universi, degli spazi immensi in cui perdersi per scoprire la meraviglia, la bellezza, l’infinito.”  Come dice l’amico Piero.

PS: Una nota la voglio lasciare all’amico Lorenzo che con assiduità lascia un  pensiero ai miei post. Auguri vivivissimi di buon onomastico da parte di tutti gli amici del mio blog.


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Quisquiglie e Pinzillacchere. Contrassegna il permalink.

31 risposte a Notte di san Lorenzo, calici di stelle

  1. luciabaciocchi ha detto:

    L’amico Antonio ha voluto fare un omaggio a tutte le donne che si sono affacciate al mio blog inviando questa poesia.
    San Lorenzo.

    Cielo di velluto,
    nero profondo,
    cosparso di luci,
    in questa notte
    di magia.
    Occhi in alto,
    ad osservare,
    cercare la scia,
    di una cadente stella,
    a cui affidare un desiderio,
    tenuto segreto,
    in fondo al cuore.
    Un dolce sogno,
    inseguito forse,
    da non so quanto,
    speranza di raggiungerlo,
    nel percorso della vita.

  2. sonoqui ha detto:

    Lasciandoti ad un sereno pomeriggio, ti auguro con
    affetto un Felice Ferragosto
    A presto
    Gina

  3. ili6 ha detto:

    Di cadenti ancora non ne ho viste ma ho ammirato, e continuerò a farlo, quella coperta di stelle che ci sovrasta e ci fa comunque sognare. Stasera torno nel mio blu ma prima lascio volentieri un saluto nel tuo salotto. Ciaooo 🙂

  4. Giulio Salvatori ha detto:

    Lucia, leggendo i pensieri del tuo blog, posso dire che di stelle – tolto il sottoscritto- nel tuo salotto ne sono entrate di belle e luminose

    • luciabaciocchi ha detto:

      Sentir definire il mio blog salotto, mi fa molto piacere, era questo il mio intento: incontrare gli amici e scambiare qualche opinione, portando ognuno il suo pensiero e un po’ del suo mondo, con rispetto ed amicizia, come si faceva una volta….
      Ps;Più che una stella ti definirei un satellite, forse SATURNO!!!!

  5. sonoqui ha detto:

    Buon pomeriggio a Te Lucia e agli Amici di questo grazioso “salotto”.
    Una stellina è arrivata da Spello … Portava un nome, il nome della Tua bella Amicizia.
    Un abbraccio
    Gina

  6. Emilio ha detto:

    Ciao Lucia, io non ho visto nessuna stella, ma va bene lo stesso 🙂
    Passavo x un salutino, buon pomeriggio

  7. luciabaciocchi ha detto:

    Buon giorno amici, mi auguro che ognuno abbia visto la sua stella cadente ed espresso un desiderio, voglio riportare qui due righe prese dal “Motediddio” di Enri De Luca.

    “….ci mettiamo a scorrere col naso in aria la stellata, lei dice che è un coperchio, io dico che è una rete, ogni stella è un nodo. Lei dice che noi ci stiamo sotto, io dico che siamo alla stessa altezza, pure noi della terra siamo galleggianti in cielo, come le boe.”

  8. Giulio Salvatori ha detto:

    Voglio riportare un breve cenno di una poesia di un vecchio cavatore,-Lorenzo Tarabella di Seravezza Lucca- senza togliere il sogno a nessuno, ma per far capire quanti messaggi trasmettono le stelle :- Rubini nella notte gelida le stelle, cielo spaziato , un senso, l’infinito…- Iniziava l’ardua salita verso le viscere del monte a cavar pane. Da mio paese non si vedono città illuminate, ma solo poche luci di qualche borgo nascosto fra gli alberi. Però, abbiamo le cattedrali delle Alpi Apuane che graffiano il cielo alla ricerca delle stelle. E’ il loro abito da sera e posso aggiungere che, nessun stilista moderno arriva a tanto. Salgo rapito virtualmente fin lassù, per sentire degli Angeli la voce.Questo sarà il mio desiderio .Grazie Lucia per avermelo ricordato .

    • luciabaciocchi ha detto:

      Bellissima poesia, versi con pensieri di cavatori che conoscono il duro lavoro, ma che hanno il fondo al cuore sentimenti nobili e percepiscono la grandezza della Natura, l’aver paragonato le Apuane alle cattedrali mi sembra l’omaggio più grande per questi luoghi. Grazie Giulio per averla proposta.

  9. ANGELO ha detto:

    Serata magica la notte di S.Lorenzo, ma lo è ancora di più gustando un buon bicchiere di sagrantino, con la speranza che una stella cada nel tuo bicchiere.
    Approfitto per fare gli auguri di un buon onomastico al mio stimato amico Lorenzo, che ogni stella cadente esaudisca i suoi desideri.

  10. sonoqui ha detto:

    Buongiorno Lucia, questa notte sposterò una stellla: La Mia, per illuminare
    ancor di più la Via dell’Amicizia.
    Sono molto belli i versi di Girasole.
    Un abbraccio a Te e
    Buon onomastico a Lorenzo
    Gina

  11. girasole ha detto:

    Stelle e desideri, stelle e sogni…non potrebbe esserci un connubio migliore… Per me, questa notte è un modo per tornare bambina, per dimenticare un momento la razionalità dell’età adulta e lasciarmi andare all’anima infantile, all’irrazionale, all’impossibile…
    Non so se stanotte potrò vedere qualche stella cadente…ma ci spero…Certo che lì da te sarebbe tutto molto più facile, chissà che spettacolo!
    P.S. Grazie ancora per aver usato la mia poesia come introduzione a questo tuo scritto…
    Un abbraccio

    • luciabaciocchi ha detto:

      Patrizia hai ragione stelle e sogni, come nelle favole di quando eravamo bambini, per una sera cerchiamo di guardare il cielo con l’innocenza dell’infanzia.La tua poesia ha arricchito il mio post, grazie ancora.

  12. Vito M. ha detto:

    da sempre, le lacrime di San Lorenzo rivestono gran romanticismo, in tanti sono con il naso all’insù e anche chi dice doi non credere a certe cose, son certo che esprime il suo desiderio.
    Splendida la poesia……. ti auguro una serena notte, con amicizia, Vito

    • luciabaciocchi ha detto:

      Vito, mi affaccio dal mio balcone e dico:” Una stellata così non si è mai vista in agosto”. Tra questa distesa di puntini luminosi sul drappo nero della notte, una stella si stacca dal firmamento e, descrivendo una scia d’argento, precipita veloce sull’orizzonte rossastro del Borgo, impossibile non esprimere un desiderio. Un saluto

  13. giuliano ha detto:

    X AGOSTO
    di Giovanni Pascoli
    San Lorenzo, io lo so perché tanto
    di stelle per l’aria tranquilla
    arde e cade, perché si gran pianto
    nel concavo cielo sfavilla.
    Ritornava una rondine al tetto:
    l’uccisero: cadde tra i spini;
    ella aveva nel becco un insetto:
    la cena dei suoi rondinini.
    Ora è là, come in croce, che tende
    quel verme a quel cielo lontano;
    e il suo nido è nell’ombra, che attende,
    che pigola sempre più piano.
    Anche un uomo tornava al suo nido:
    l’uccisero: disse: Perdono;
    e restò negli aperti occhi un grido:
    portava due bambole in dono.
    Ora là, nella casa romita,
    lo aspettano, aspettano in vano:
    egli immobile, attonito, addita
    le bambole al cielo lontano.
    E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
    sereni, infinito, immortale,
    oh! d’un pianto di stelle lo inondi
    quest’atomo opaco del Male!

    • luciabaciocchi ha detto:

      Grazie Giuliano, questa poesia mi ha fatto tornare in mente le parole della mia maestra:” Le stelle sono gli angeli custodi .Ognuno ha la sua”

      • giuliano ha detto:

        Giovani e vecchi con il naso e lo sguardo rivolto verso l’alto, in attesa di cogliere la scia luminosa di una stella cadente. Saranno in molti ,cuori più o meno romantici ,a cercare suggestivi punti in quota, per allontanarsi dalle luci della città e ammirare meglio lo spettacolo delle Perseidi.

  14. Lorenzo D'Agata ha detto:

    Ed io ti ringrazio, cara Lucia, degli auguri che mi hai fatto anche a nome dei tuoi amici. Dunque, la notte di S. Lorenzo intesa come calici di stelle che non ti vogliono sveglio per parlare. In realtà ti vogliono rapito, estasiato, incantato da uno spettacolo unico che non può essere apprezzato se non nel silenzio e con un cielo buio sebbene popolato di stelle. L’incanto di questa notte è davvero unico, ed io e tutti quelli che portano il nome di Lorenzo lo viviamo sulla nostra pelle e ce ne sentiamo orgogliosi come se l’avessimo inventato. Potenza di un nome e del miracolo di stelle cadenti che hanno chiamato calici.

  15. fausta68 ha detto:

    So che l’evento dei “calici di stelle” viene fatto da tante parti…ma certo che col Sagrantino e con i bellissimi luoghi intorno a te deve essere particolarmente bello!
    Io, purtroppo, non potendomi muovere, guarderò le perseidi attraverso il telescopio on line….bello, ma non è la stessa cosa!

    • luciabaciocchi ha detto:

      Fausta sono certa che troverai nella tua splendida città un angolino dove poter ammirare questo cielo d’agosto e trovare la tua stella cadente e esprimere il tuo desiderio più caro.Un saluto affettuoso

  16. pierperrone ha detto:

    Stelle e desideri si coiugano perfettamente con il tuo Sagrantino, che sembra prendere il più bello dei colori di Benozzo.
    Speriamo che nel calice resti una goccia della luce che appartenne un giorno ad una stella e che quella goccia ci permetta di esaudire i migliori desideri del notro cuore.
    Cosa possiamo sperare di più?
    Almeno, una bella speranza, apre il cuore, no?
    Un caro abbraccio a tutti.

    Vi invito, se vi va – visto che sto per partire per le vacanze – a passare, dall’11 prossimo, qualche volta dal blog sul quale cercherò di passare qualche foto dalla costa atlantica americana:
    http://roadingusa.wordpress.com/
    Intantobuone vacanze, Lucia, a te ed a tutti.
    Piero

    • luciabaciocchi ha detto:

      Piero hai visto? ho usato le tue parole nel mio post, grazie. Sono già passata nel tuo blog americano, ci servirà a noi sedentari per conoscere nuovi posti….Buon viaggio e splendide vacanze, un saluto Lucia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...